LE AMICHE E GLI AMICI DI BETANIA DEL SACRO CUORE

Il ruolo dei laici nell’Opera dell’Amore Infinito

amiche e amici di BetaniaLa Venerabile Madre Luisa Margherita, negli ultimi mesi di vita, aveva manifestato il desiderio che anche i laici si unissero spiritualmente al monastero di Vische:
«Mi sembra essere volontà di Dio di unire le persone del mondo che sentono l’attrattiva dell’Amore Infinito e della preghiera per il sacerdozio alla nostra piccola comunità… Desidererei avere figlie [spirituali] in ogni nazione per poter far circolare l’Amore Infinito dovunque». (Lettera di madre Luisa Margherita a padre A. Charrier, 26 settembre 1914).
A tal fine venne delineato il ramo delle: Affiliate (donne coniugate o no, religiose di altre Congregazioni) che condividono lo stesso spirito e pregano per il medesimo scopo. Nel 1917 nacque così il movimento laicale unito a Betania del Sacro Cuore, che si specificò e chiarificò ulteriormente nel 1923, assumendo il nome Amiche di Betania del Sacro Cuore.
Per i giovani, gli uomini venne formato un altro ramo denominato Aggregati dell’Alleanza (troviamo per la prima volta il riferimento a questo gruppo negli Statuti della Sezione diocesana di Ivrea dell’Alleanza Sacerdotale del 1923).
Il primo gruppo si costituì ufficialmente in diocesi di Ivrea il 22 aprile 1924.
Nel 1984 mons. Luigi Bettazzi, Vescovo di Ivrea e Presidente dell’Opera, con decreto del 24 maggio, univa in un unico movimento i due rami “Amiche di Betania” e “Aggregati” con la denominazione “Amici e Amiche di Betania”.


Betania, centro di tante amicizie


Madre Luisa Margherita sognava dunque un gruppo di persone legate alla comunità da una vera e profonda amicizia, capaci di comprendere e diffondere la sua spiritualità particolarmente tra i sacerdoti e in tutto il mondo.


Amici perché credenti nell'Amore Infinito

La spiritualità dell'Amore Infinito, il credere in tutti gli avvenimenti che Dio ci ama sempre, l'abbandono totale nelle sue mani e poi la gioia che invade lo spirito di chi vive questa fede nell'amore e il profondo senso di comunione con tutta la Chiesa sono alla radice del nascere e del crescere delle Amiche di Betania.


Amicizie senza strutture

Fin dall'inizio il ramo delle Amiche ha respinto ogni apparenza di organizzazione. Tutto è racchiuso in questa semplice parola: Amiche. Vivere cioè l'amicizia. Amicizia anzitutto con Dio, sentito come l'Amico per eccellenza, Colui che solo sa e può amare fino a dare la vita per i propri amici, che ama sempre anche quando permette la sofferenza.
L'essenza, lo specifico del ramo Amiche-Amici è anzitutto, come diceva la Venerabile Serva di Dio: «Sentire l'attrattiva dell'Amore Infinito». È credere con la vita che Dio è Amore Infinito.
Tutta la loro vita, nel suo svolgimento quotidiano, come nei momenti dolorosi o difficili testimonia la loro fede in Dio Amore. Esse hanno a cuore che questa spiritualità entri nella loro preghiera e nelle relazioni con il Signore, nel comportamento con gli altri e particolarmente nel modo con cui accettano le croci. Se la spiritualità di Betania è entrata in profondità in un'anima essa opera meraviglie anche sotto il peso della croce, fino a far stupire gli altri ed a conquistare i cuori.


L’alimento di queste amicizie

Il mezzo più facile e ovvio è la lettura degli scritti della Venerabile Serva di Dio. Dopo la lettura, gli incontri dei gruppi. I gruppi si sono rivelati molto utili a sostenere lo spirito delle Amiche/Amici, a diffondere e far conoscere l'Opera ed a suscitare iniziative specialmente per i sacerdoti.


L'aiuto al sacerdote...

È l’aspetto caratteristico di questo ramo. Chi vive la spiritualità di Betania vede istintivamente nel sacerdote lo strumento dell'Amore di Dio, «Il seminatore dell'amore di Cristo».
L’Amica e l’Amico offre con gioia la sua preghiera e i suoi sacrifici per i sacerdoti, amerà la Chiesa, e sarà sempre disponibile a tutte le forme di collaborazione e di aiuto.


Una chiamata particolare

È evidente che quando il Sacro Cuore mette nell’animo di una persona il desiderio di donarsi con fiducia e abbandono a Dio Amore Infinito, le rivolge un invito a vivere nell’intimità con il suo Cuore divino. È una chiamata particolare, ed ella vi risponde, si apre all’Amore. È un invito questo che ogni persona a cui è rivolto, dovrebbe accogliere con gratitudine; si fida di quell’Amore che l’ha scelta e, senza timore, si dona a Lui.


Il ramo più diffuso

Oggi, il ramo delle Amiche/Amici di Betania è il più diffuso.
Le Amiche/Amici di Betania vivono la spiritualità comune di tutti gli aderenti all’Opera dell'Amore Infinito, ma in un contesto particolare.
La sua caratteristica infatti è quella di essere meno legato degli altri rami ad una struttura organizzativa per cui punta più direttamente su due aspetti fondamentali della spiritualità dell’Opera: la fede nell'Amore e in un Amore che cerca i sacerdoti per donarsi a tutti.
La diffusione più capillare di questo ramo lo rende portatore della spiritualità dell’Opera nei luoghi più impensati, per cui anche qui ricorre al mezzo fondamentale: la testimonianza della vita.
Le Amiche e gli Amici possono creare in qualche modo, accanto al prete, l'atmosfera di quella Betania in cui Gesù si recava, facendogli sentire una vera amicizia spirituale, fatta di preghiera, di collaborazione e di quel rispetto che sorge dalla convinzione che è “uno di quelli che Gesù ama”.



 
Copyright © Opera Amore Infinito - Tutti i diritti sono riservati - Privacy policy - termini utilizzo
Generato da WebTuo.it